Meglio essere o apparire? Dipende dal fattore X

nella nostra società è meglio essere o apparire?
Nella società di oggi è meglio essere o apparire per avere successo? Al di là dei luoghi comuni da quattro soldi  la risposta è SEMPRE la stessa dall'alba dei tempi: dipende dal fattore X.

Non ti faccio aspettare e ti rivelo subito qual è questo fantomatico fattore X: il tuo potere personale.

Se sei debole apparire è la regola, essere è l'eccezione, punto. Se vuoi avere successo rimanendo te stesso ti serve sufficiente potere per imporre te stesso davanti a tutto il mondo. Ecco come fare.




Viviamo davvero nella società dell'apparire?


Anche se in questo sito parlo di autenticità, gettare la maschera, essere se stessi, scoprire i propri talenti... non ti dirò che l'apparenza non conta.

L'essere umano deve rispondere, inizialmente, soltanto a due bisogni: sopravvivere e riprodursi.

Ci sono tutta una serie di parametri che ci hanno selezionato durante l'evoluzione.

Alcuni di questi, soprattutto in giovane età, fanno leva sull'apparenza: penso alla fisicità, alla bellezza, alla prestanza, per esempio.

L'attrazione atavica verso individui prestanti, con caratteristiche di simmetria e proporzioni gradevoli consente di selezionare partner sani, forti e dotati di un buon sistema immunitario. 

Ciò garantisce maggiori probabilità di sopravvivenza alla prole.

Ma l'essere umano non è fatto solo di muscoli.

  • Cinque persone possono sopraffarne una più forte;
  • Costruire una trappola per leoni è più efficace di combatterli a mani nude;
  • Con l'uso del linguaggio e vivendo in un sistema di regole, la forza perde di importanza.


Un bel fisico non basta per sopravvivere e affrontare la legge della giungla, sia essa quella dei leoni o un sobborgo di Manhattan.

Per cui, se hai più di 20 anni, per sopravvivere, riprodurti ed emergere ti servono tutta un'altra serie di qualità vincenti.

Il denaro, gli status symbol, la riprova sociale, la preselezione (essere ricercato dal sesso opposto) quello che molti chiamano "apparire", è una testimonianza: "Questo individuo deve possedere delle abilità per essere riuscito ad arrivare così in alto nella piramide sociale".

Apparire non è vivere un certo narcisismo riflessivo: puoi essere e apparire contemporaneamente. Apparire significa piuttosto ostentare.


Ecco cosa significa veramente apparire


Fra le qualità di cui parlo la più alta è la creatività, intesa come capacità di risolvere problemi in modo nuovo, diverso, unico, geniale.

La creatività è la qualità che ti consente di costruire la trappola per leoni di cui ti ho parlato prima.

La creatività, la capacità di sognare e immaginare, ci ha portato in cima alla piramide alimentare come se stessimo cavalcando un missile Saturn per l'esplorazione dello spazio.

La creatività unita alla capacità logico-razionale consente di risolvere i problemi che incontriamo ogni giorno garantendo la sopravvivenza, la riproduzione...

... e l'evoluzione della specie.

Chi possiede questa qualità ha sempre un certo ascendente sui suoi simili: ne rimaniamo affascinati.

Un buon mix di qualità ben addestrate è la sorgente da cui sgorgano carisma e fascino: ciò che rende ricchi i poveri e belli i brutti.

Il potere esiste quando esistono delle abilità a sostenerlo.

Le abilità di cui parlo sono spesso ataviche.

Qualsiasi bambino è creativo, qualsiasi bambino ama essere al centro dell'attenzione semplicemente perché è se stesso.

Poi queste qualità gli vengono portate via.

Il perché è evidente: per prima cosa gli viene inibita la creatività.

In una società che ci vuole tutti uguali osare essere se stessi è quasi un affronto.

Passano 15 anni e ci convinciamo di non bastare più per come siamo: iniziamo dunque a metterci in mostra in modo ossessivo per aggirare il problema.

Mettere avanti l'apparire non significa manifestare le proprie qualità, ma manifestare qualità che non si possiedono per nascondere una debolezza figlia di un insegnamento castrante. Apparire significa quindi mentire.

Chiunque non possegga determinate abilità, chiunque non possegga abbastanza potere per gestire le critiche, per dire no, per essere trasparente, preferirà montare una maschera e recitare una parte.

Abbiamo quindi essere artefatti, robot sociali come il classico "Self made man", con il suo fare impostato, la puzza sotto il naso e il suo mettere davanti sempre determinate qualità... per compensare il fatto che, in realtà, si sente un perdente fino al midollo.

Non può rilassarsi perché non ha abbastanza potere.

Qualcuno ne sarà certamente attratto. Ma non l'autentico.

Abbiamo il bravo ragazzo, sempre intento a far da paciere, a trovare compromessi, a lasciare che gli altri mercanteggino con le sue esigenze... per evitare situazioni che non sa gestire.

Non può imporsi, perché non ha abbastanza potere.

Qualcuno troverà piacevole passare del tempo con lui. Ma non l'autentico.

Se vuoi essere l'autentico ti serve potere.



Il potere di "essere" deriva da grandi abilità


L'autenticità non è mai stereotipata e quando si tramuta in carisma e fascino è l'immediata proiezione di chi sei, della tua essenza all'esterno.

A questo punto essere e apparire diventano una cosa sola.

L'autentico non è quello che se la prende nel di dietro perché si mostra per quello che è, come molti pensano.

L'autentico è dannatamente potente.

Chi raggiunge questo livello non ha bisogno di una maschera.

Quello che è basta e avanza. 

Se ti guarda negli occhi capisci che ha potere. Anche se non gira in Ferrari.

L'autentico ha abbastanza potere e abilità per potersi rivelare, svelare smettendo le recite e rendendosi trasparente.

L'autentico ha successo (che spesso per lui significa vivere come gli pare al di là di qualsiasi prassi o stereotipo) essendo se stesso, ma ciò non è alla portata di tutti. 

E' un livello da raggiungere.

La vera domanda non è quindi "Meglio essere o apparire" ma: "Tu hai abbastanza abilità per essere ed apparire per quello che sei"?

Il mio lavoro è traghettare chi è pronto (se sei affascinato da queste cose lo sei) verso l'autenticità.

Ti servono 3 ingredienti:

  • capire chi sei;
  • capire cosa vuoi;
  • sviluppare le abilità necessarie a ottenere ciò che desideri rimanendo te stesso.

Nel percorso sbocci come un bruco che diventa farfalla: recuperi una naturale creatività priva di sforzo, sviluppo le abilità dialettiche e relazionali e in generale il potere che ti serve per imporre la tua identità sul mondo.

Se vuoi approfondire scrivi la tua e-mail nello spazio apposito alla fine di questo articolo: c'è un video gratuito sui fondamentali del mio lavoro.

Non so per quanto tempo sarà disponibile: sbrigati a vederlo.


Un abbraccio, Marco.



2 commenti:

  1. Daniele Inferrara17 novembre 2015 22:22

    Buon Pomeriggio, devo ringraziarti anche se non ti conosco.

    Il mio problema da sempre è quello del giudizio altrui: non sono mai riuscito a fregarmene del tutto. So perfettamente da dove deriva questa mia difficoltà ma non mi sono mai soffermato a riflettere sulle abilità.

    Il giudizio degli altri mi ha limitato così tanto che mi impedisce di esprimere me stesso e appaio come una persona fredda e rigida.

    Il consiglio di molti: “Fregatene, ama te stesso, abbi più autostima” ma sinceramente non capivo come potevo farlo. Non era una mia scelta, non mi sveglio un mattino e decido di amarmi.

    Più di una volta con amici, mi sembra che loro riescano ad essere sciolti, parlano con le ragazze, io mi sento bloccato.

    Sono una persona perfettamente normale eh, una psicologa mi disse che dovevo solo aprirmi un po'.

    E' proprio come hai detto tu Marco, altro che autostima, mi mancano proprio tutta una serie di abilità perché ho smesso di socializzare e mi sono chiuso in me stesso.
    Ora è difficile uscire ma ho deciso che voglio leggere quanto scrivi e provare a seguire le tue indicazioni.

    Davvero grazie.

    Ps.

    c'è un modo per approfondire quello che fai, trovo che sia un lavoro bellissimo. Forse un giorno mi piacerebbe insegnare queste cose.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! Grazie a te, mi fa piacere esserti stato di aiuto.

      Se vuoi approfondire iscriviti alla mailing list: c'è un regalo che ti aspetta :)

      Marco

      Elimina

So che esistono eccezioni per ogni cosa che scrivo :)