Migliorare l'autostima

Come forse sai, per me “migliorare l'autostima” è un modo di dire molto impreciso: in questo post userò questo termine solo per farmi capire. 

Volendo semplificare potremmo dire che l’autostima dipende dal voto che diamo a noi stessi nella quotidianità, in relazione a un ideale e agli obiettivi che vorremmo raggiungere.

Ci sono persone con scarse abilità ma dotate di grande sicurezza in se stesse mentre, all’opposto, conosco persone di grande talento che si ritengono delle nullità. 

Dal punto di vista del coaching, potrei definire l’autostima come una “stima del proprio valore personale”. 

Quantitativamente dipende dal voto che ci diamo in relazione a un determinato momento e contesto. 

L’autostima è quindi del tutto contestuale e di per se... non esiste affatto: è assolutamente normale che la stima che abbiamo di noi stessi cali quando, ad esempio, siamo molto stanchi.

Avere alta o bassa autostima, non è una condizione permanente, ma in costante mutamento.

Fatta questa premessa, dal mio punto di vista di “coach”, l’autostima dipende dalla distanza che percepiamo fra “chi pensiamo di essere” e “chi vorremmo essere”.

L'autostima è quindi strettamente legata ad un’equivalenza complessa fra il proprio valore e i propri risultati, in relazione a un’ideale.

Per la serie: se soddisfo questi criteri sono una persona di valore, altrimenti, no.

Uno psicologo potrebbe scovare l'origine di questa equivalenza: a noi basta sapere che, quanto più pensiamo di essere è lontani da chi vorremmo essere, tanto più “l’autostima” sarà bassa.

Facciamo quindi un passo indietro: cosa succede se e ti assale il dubbio che il tuo ideale di "persona di valore" potrebbe essere un'emerita stupidaggine?

Come sarebbe se tu potessi ottenere tutto quello che vuoi non soddisfacendo quell'ideale ma piuttosto, limitandoti ad essere te stesso e migliorandoti per il piacere di farlo?

Prendi una fiamma ossidrica e tatuati nella mente questa idea: il tuo valore non dipende dai tuoi risultati... ma dai tuoi sogni, desideri, valori... dalla tua storia, dalla tua intrinseca unicità.

Se immagini che il tuo voto sia già 10 e lode... ...come ti senti?

Quanto più inizi a scollegare il tuo valore personale dai tuoi risultati e lo colleghi a te stesso e alla tua intrinseca unicità, tanto più “l’autostima” migliora. 

Cosa credevi che avresti dovuto saper fare per meritarti un 10 e lode come essere umano? 

Perfetto... ora cancella quest’immagine, dimentica i risultati esterni, passati, presenti o futuri e ripensa ad una volta in cui ti sei sentito semplicemente bene, unico e speciale per quello che sei.

Prenditi qualche minuto per pensarci.

Quando ti senti bene, quando sei da 10 e lode per quello che sei... cosa riesci a fare naturalmente?

Quando ti senti da 10 e lode, dai più importanza al risultato esterno o al sentirti semplicemente così, sempre di più?

Cosa accade se per un attimo dimentichi i risultati e desideri solo essere te stesso al 100%, indipendentemente, con tutti i difetti, errori e piccoli talenti che nella particolare misura che ti rendono unico e inimitabile?  

Insomma: cosa accadrebbe se il tuo valore fosse già 10 e lode... semplicemente, perché esisti?

Quando provi le emozioni positive che ti fanno sentire pienamente te stesso e ti senti degno di affetto, amore e approvazione da parte di chi è in linea con te (e lasci andare tutti gli altri)....

...allora anche i tuoi risultati e la tua performance migliora di 10... 100 volte (proprio come quella volta in cui hai fatto qualcosa che nemmeno credevi di poter fare).

Quanto più fai in modo che la tua priorità sia sempre essere il più vicino possibile alla tua miglior versione e metti in secondo piano i risultati, tanto più la tua performance aumenta. 

Rifletti su questi concetti, esplorali, prendine consapevolezza, perché questo è il primo passo... inizia ad alleggerirti, come dopo aver buttato a terra uno zaino, e comincia, un passo alla volta, a fare semplicemente quello che vuoi e che ti avvicina al benessere, al piacere e alla gioia.

Un abbraccio, Marco.






0 commenti:

Posta un commento

So che esistono eccezioni per ogni cosa che scrivo :)