Non mi sento me stesso

Ad una prima lettura la frase "non mi sento me stesso" può sembrare del tutto paradossale, tautologicamente falsa. 

In realtà, invece, quando senti di non essere te stesso cerchi di tradurre, attraverso le parole, la mancanza di una sensazione che, quando eri piccolo (o molto piccolo),  provavi ogni giorno.

In questo senso, la frase assume un significato profondamente diverso.

C'è un pezzo che manca, e manca anche quando all'esterno le cose sembrano andare per il meglio.

Tutti noi sappiamo riconoscere le emozioni e le sensazioni che proviamo quando sentiamo di essere profondamente noi stessi, quando sentiamo di essere totalmente allineati, senza alcun attrito.

Quando sentiamo di essere noi stessi, infatti, ogni cellula si muove nella stessa direzione; all'opposto, quando non siamo al meglio, la nostra mente si "frammenta" in più parti: una tira da un lato, una dall'altro, una cerca di mediare, ecc.

Molte persone, quando sottolineo l'importanza di imparare ad essere se stessi, sollevano un'obiezione: "a volte nella vita, per sopravvivere, bisogna mentire o essere falsi. Se sei te stesso si prenderanno gioco di te...".

Peccato che la maggior parte di queste persone abbia una vita infelice: queste persone sono la dimostrazione vivente della falsità di ciò che vanno professando. In definitiva, dimostrano di non aver minimamente capito cosa voglia dire essere se stessi, visto che questo modo di essere è, fra le altre cose, caratterizzato da un'enorme capacità di dire NO.

La realtà dei fatti è che, sebbene esistano dei filtri (sani ed utili), meno fingi di essere qualcun altro, maggiore sarà la probabilità di realizzare ciò che desideri.

Il mio stile di coaching si propone di aiutarti a direzionare ogni singola cellula del tuo corpo verso quello che vuoi e così facendo diventi 10, 100 o 1000 volte più efficace nel realizzare ciò che desideri.

L'effetto di questo training è imparare a mettere al centro della tua esistenza il desiderio di voler essere profondamente te stesso e poi, mettere in movimento tutto questo per iniziare a realizzare i tuoi sogni.

Se non ti senti te stesso, posso dimostrarti, in pochi secondi, come modificare questa condizione: è talmente semplice da apparire quasi banale.

Se vuoi imparare come fare, non esitare a contattarmi.


Un abbraccio, Marco.

0 commenti:

Posta un commento

So che esistono eccezioni per ogni cosa che scrivo :)