Coaching sistemico

Considera questa frase:

Prima di diagnosticarti depressione o bassa autostima, assicurati di non essere semplicemente circondato da stronzi.
W. Gibson.

Come avrai più volte sentito ripetere, l'essere umano esiste solo in relazione agli altri e all'ambiente in cui vive.

Eppure, è facile dimenticarselo.

Quando lavoro con i miei clienti lo faccio a tre livelli, deliberatamente ispirati all'arte della guerra: strategia, tattica e tecnica.

La strategia è il progetto complessivo collegato direttamente al raggiungimento di un obiettivo o di un fine.

La tattica è l'insieme delle specifiche azioni per il raggiungimento di un obiettivo, nel momento presente e che dovrebbe mantenerci lungo la direzione stabilita strategicamente: la tattica è sottomessa alla strategia.

In altre parole, quello che faccio deve sottomettersi a quello che voglio (se non abbiamo chiaro quello che vogliamo, agiremo in reazione a ciò che succede all'esterno, senza movimento).

La tecnica è il livello più basso (e per qualche strana ragione la maggior parte dei coach lavora solo a questo livello!) ed è collegata alle singole azioni; un esempio? Cosa dire al proprio capo per convincerlo ad aumentarci lo stipendio.

Se vuoi vivere il tuo stile di vita ideale ed attualmente operi in un contesto molto distante da quello che desideri, conviene iniziare una transizione verso un sistema che possa facilitarti (strategia) o tentare di cambiare il contesto in cui vivi ora (tattica)?

La risposta è: dipende.

Rileggi la frase di Gibson: se ci sentiamo male, fuori luogo, privi di energie, non è necessariamente un problema nostro.

Limitarsi ad affrontare un qualche tipo di problematica personale senza mettere in discussione il contesto in cui viviamo può essere perfino controproducente; eppure, cambiare sistema, rappresenta per molti uno scoglio quasi insuperabile.

Decidi prima di tutto quello che vuoi e poi chiediti: esiste un modo in cui potrei ESSERE e che potrebbe garantirmi il mio stile di vita ideale all'interno del sistema in cui opero ora? (Tattica)

Se la risposta è no: qual'è la prima piccola azione che potrei fare, oggi, per iniziare una transizione verso un sistema che mi supporti maggiormente? (strategia).

La parola chiave è "piccola azione". Inizia a fare qualcosa che sia per te raggiungibile, e da lì, fai il passo successivo.

Un abbraccio, Marco.

0 commenti:

Posta un commento

So che esistono eccezioni per ogni cosa che scrivo :)