Autostima: come aumentare la stima di sé?

come aumentare l'autostima
E' possibile aumentare o migliorare l'autostima attraverso corsi ed esercizi specifici?

C'è chi propone test, chi frasi motivanti, chi visulizzazioni; io non amo usare la parola "autostima" perché a mio avviso è una "pseudoparola".

Cosa intendo dire? 

La definizione di autostima, spurgata dei tecnicismi è qualcosa del tipo: "stima di se stessi legata a una percezione del proprio valore personale come elevato".


Percezione appunto. Ed inoltre, trovo sciocca l'idea di "stimarsi" in funzione del proprio "valore personale", concetto fortemente correlato con l'idea di "successo" e "performance".

Le persone che producono elevate performance, non si concentrano sulla performance o sull'autostima. Non funziona così.

Quando lavoro con i miei clienti, nel mental o life coaching, è abbastanza facile portarli in una condizione mente-corpo dove, nel momento presente, qui ed ora, percepiscono se stessi come perfetti. Di solito, attraverso, un processo abbastanza elegante, impiego pochi secondi od al massimo qualche minuto per ottenere questo risultato, e ci riesco con tutti. Quindi ho aumentato la loro autostima?

L'autostima  è, a  mio avviso, un concetto astratto di cui ci ricordiamo solo quando percepiamo la mancanza di qualcosa: proprio come la ricchezza, che spesso è più sulla bocca dei poveri che dei benestanti.

Non esiste essere umano che si auto-definisca "dotato di autostima": esistono solo esseri umani che si definiscono "senza autostima".

Come posso aumentare o migliorare qualcosa che manca? 

Quando fai quello che ami, percepisci la mancanza di autostima?

E in quei momenti, quella parola, esiste?

Quando abbiamo la percezione di essere pienamente noi stessi, qui ed ora, e utilizziamo la mente ed il corpo direzionandoli VERSO qualcosa, siamo semplicemente al meglio: non esiste il problema dell'autostima, non quantifichiamo quanta ne abbiamo, non ci valutiamo.

 Non si tratta di un cambiamento quantitativo (aumentare qualcosa), ma qualitativo (direzionarsi verso qualcosa)!

L'obiezione classica è sempre la stessa:

"Beh, è facile essere al meglio mentre faccio quello che amo, ma come faccio ad esserlo in tutti gli altri casi?"

Di solito non mi curo di quest'obiezione: se tu potessi essere, sia nelle relazioni che nei contesti dove oggi percepisci qualche mancanza, in quello stesso modo in cui sei mentre fai quello che ami... come sarebbe?

Siamo d'accordo che quel modo di essere è per te già disponibile, ossia che sei capace di accedervi, anche se facilitato dagli eventi esterni?

L'autostima, qualsiasi cosa voglia dire, è un concetto astratto che ora esiste (quando manca) ed ora non esiste (quando siamo al meglio, e non esiste la necessità di definirci "quantitativamente").

La domanda non è quindi "come aumentare o migliorare l'autostima" ma:

Come sono quando sono serenamente me stesso, qui ed ora, ed il concetto di autostima smette, per me, semplicemente di esistere?



Un abbraccio, Marco.

0 commenti:

Posta un commento

So che esistono eccezioni per ogni cosa che scrivo :)